Famiglia e successioni

Esperti in successioni ereditarie e consulenze a Vigasio

Nello specifico ambito della famiglia e delle successioni, lo Studio si occupa della redazione e formazione di testamenti in forma pubblica e fornisce assistenza nella redazione di testamenti olografi, nei verbali di pubblicazione di testamento, negli atti di notorietà, negli atti di adesione e acquiescenza a disposizioni testamentarie, nella redazione di inventari, nelle accettazioni di legati, nelle rinunce all’eredità, nelle divisioni immobiliari ereditarie e nelle cessioni di quote ereditarie. 

Lo Studio fornisce, inoltre, informazioni sui profili patrimoniali e fiscali relativamente alle successioni legittime (in assenza di testamento), alle successioni testamentarie, nonché agli atti di donazione e ai limiti imposti dalle quote di legittima. Lo Studio offre un servizio di consulenza completa nella redazione e nella presentazione di riscorsi in materia di volontaria giurisdizione e nella redazione di ricorsi in materia di amministratori di sostegno.

Pianificazione della successione

L’organizzazione degli assetti successori di una persona presenta per definizione un grande numero di variabili. Occorre conoscere la consistenza patrimoniale del soggetto, spesso anche quella del coniuge, tenere conto delle aspirazioni e dei caratteri degli eredi, così come delle preoccupazioni del coniuge superstite. In talune circostanze, un testamento, pur giuridicamente inattaccabile, può causare una litigiosità tra gli eredi maggiore di una successione senza testamento, producendo così l’effetto opposto a quello desiderato dal testatore.
Siamo a disposizione per ascoltarvi e per illustrarvi le conseguenze delle varie scelte possibili.
Difficilmente un testamento si redige dopo un solo incontro. Siamo noi stessi a consigliarvi di pensarci qualche giorno in più.

Il momento della successione

Al grande dolore per la perdita di un congiunto, spesso si aggiunge lo smarrimento nella gestione degli adempimenti burocratici. Forniamo assistenza dalle prime azioni da compiere e sino al completamento di tutti gli adempimenti sia civilistici, sia fiscali ed eventualmente divisionali.
LE PRIME COSE DA FARE
Quando avviene un decesso è, sin da subito, consigliabile avere informazioni sulla devoluzione della successione, vale a dire accertare se la successione - nel caso concreto - sarà regolata dalla legge (perché il defunto non ha lasciato testamento) ovvero, in tutto o in parte, da un testamento.
Si tratta di un evento grave ed importante, a seguito del quale possono operare diverse norme di legge, oltre alla volontà del defunto; per evitare conseguenze non previste, anche rilevanti, pare senz’altro consigliabile affidarsi sin da subito ad un esperto in materia.
Ciò premesso, è necessario, anzitutto, verificare se il defunto ha lasciato un testamento.
Nel caso si trovi un testamento olografo, lo si deve portare ad un notaio perché provveda alla sua pubblicazione.

Analogamente dovrà essere contattato il notaio ove si sia a conoscenza dell’esistenza di un testamento pubblico ovvero dell’esistenza di un testamento olografo affidato al notaio in deposito fiduciario.
Nel caso in cui non si sappia dell’esistenza o meno di un testamento ci si può rivolgere all'Archivio Notarile (per effettuare una ricerca nel Registro Generale dei Testamenti).
È opportuno, poi, ricostruire un quadro completo del patrimonio del defunto, anche per predisporre la dichiarazione di successione ai fini fiscali. 

Donazione

La donazione ai propri congiunti è uno degli strumenti per pianificare, anticipandoli in vita, gli effetti distributivi della successione. È un atto però a cui ricorrere con estrema cautela, sia perché comporta la perdita immediata del diritto donato, sia perché lo rende potenzialmente impugnabile da parti di altri eredi. Questo, tra l’altro, può rendere il bene donato difficilmente rivendibile prima dell’apertura della successione del donante.
La donazione è un atto rischioso e richiede l’assistenza di un professionista esperto:
  1. perché la donazione anticipa la vostra successione;
  2. perché la donazione è un atto tendenzialmente definitivo. Donare, è donare;
  3. per sapere se si abbia la capacità di donare e ricevere per donazione;
  4. per sapere se si possa donare a mezzo di altri;
  5. per sapere come donare;
  6. per sapere cosa si può donare;
  7. per evidenziare il motivo che spinge a donare. Il motivo che spinge a donare può essere alcune volte rilevante.
Vi suggeriremo la via più sicura per raggiungere lo scopo che vi prefiggete.


Altri utili supporti li avrete consultando i documenti a questo link.

Contattare il notaio per consulenze e informazioni

Share by: